zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso

Instagram-prof
Tutti abbiamo dentro delle storie stupende. Io aiuto a raccontarle con immagini e parole
🎹+🐱+☕️

Gli hashtag di gennaio sono online!
Lo ammetto, gennaio mi ha colta un po’ impreparata. Nelle prime settimane dopo le feste qualsiasi attività che non includesse divano, copertina di pile e taralli mi sembrava semplicemente improponibile. 
Ma sento che sto uscendo dal torpore, anche creativo, e questo weekend mi avventurerò addirittura fino a Palermo per insegnare al Sikend, il weekend degli imprenditori creativi (vi porterò con me su stories, promesso!). 😍
Gli hashtag del mese riguardano, appunto, gli inizi lenti, i risvegli dei sensi, la ricerca dell’armonia con la natura e con se stessi. Li trovate, come sempre, al link in bio ⬆️
#polveredipoesia #feliceadesso
[questa foto è stata scattata l’anno scorso, quando @val_ina e @mirconfuso sono venuti a trovarmi nello zucca-studio] 💛

Gli hashtag di gennaio sono online! Lo ammetto, gennaio mi ha colta un po’ impreparata. Nelle prime settimane dopo le feste qualsiasi attività che non includesse divano, copertina di pile e taralli mi sembrava semplicemente improponibile. Ma sento che sto uscendo dal torpore, anche creativo, e questo weekend mi avventurerò addirittura fino a Palermo per insegnare al Sikend, il weekend degli imprenditori creativi (vi porterò con me su stories, promesso!). 😍 Gli hashtag del mese riguardano, appunto, gli inizi lenti, i risvegli dei sensi, la ricerca dell’armonia con la natura e con se stessi. Li trovate, come sempre, al link in bio ⬆️ #polveredipoesia #feliceadesso [questa foto è stata scattata l’anno scorso, quando @val_ina e @mirconfuso sono venuti a trovarmi nello zucca-studio] 💛 - 1 month ago

3,012 Likes
157 Comments
4
I giorni più bui dell’anno hanno una grande lezione da insegnarci: la vera luce ce l’abbiamo dentro. ✨
Vi auguro dei giorni splendidi e veri.
❤️
Un po’ di backstage: questa è la mia prima foto scattata con la EOS M200 che mi ha regalato @canonitaliaspa. Ho dovuto giocare un po’ con l’obiettivo e l’apertura di diaframma per ottenere la sfocatura dietro ma devo dire che sono molto soddisfatta. Amo anche i colori e pasta dell’immagine. Ho apprezzato tantissimo anche la connessione Wireless che permette di trasferire le foto sul telefono istantaneamente per ritoccarle. Nelle stories trovate un po’ di dietro le quinte. 😉
Devo dire anche grazie a @dario.mimmo, che non solo mi ha aiutata a fare questa foto, ma mi ha anche portato del cibo allo zucca-studio nel giorno più frenetico di questo periodo pre-feste. 
Ora per qualche giorno ci meritiamo solo riposo, cibo buono e amore. ✨
#amatiattimi #gioiedinatale #liveandcreate #ad #gifted

I giorni più bui dell’anno hanno una grande lezione da insegnarci: la vera luce ce l’abbiamo dentro. ✨ Vi auguro dei giorni splendidi e veri. ❤️ Un po’ di backstage: questa è la mia prima foto scattata con la EOS M200 che mi ha regalato @canonitaliaspa. Ho dovuto giocare un po’ con l’obiettivo e l’apertura di diaframma per ottenere la sfocatura dietro ma devo dire che sono molto soddisfatta. Amo anche i colori e pasta dell’immagine. Ho apprezzato tantissimo anche la connessione Wireless che permette di trasferire le foto sul telefono istantaneamente per ritoccarle. Nelle stories trovate un po’ di dietro le quinte. 😉 Devo dire anche grazie a @dario.mimmo , che non solo mi ha aiutata a fare questa foto, ma mi ha anche portato del cibo allo zucca-studio nel giorno più frenetico di questo periodo pre-feste. Ora per qualche giorno ci meritiamo solo riposo, cibo buono e amore. ✨ #amatiattimi #gioiedinatale #liveandcreate #ad #gifted - 2 months ago

1,815 Likes
116 Comments
0
“Tra due giorni è Natale e non va bene e non va male, buonanotte, torna presto e così sia.” Una delle mie canzoni preferite di @degregoriofficial, che ho sempre pensato fosse ambientata a Torino. Non credo sia così, probabilmente è Roma, o forse Milano, ma io ogni anno, in questi giorni, la sento risuonare tra i tetti della mia splendida città. 🌘
#viaggiaresottocasa #gioiedinatale

“Tra due giorni è Natale e non va bene e non va male, buonanotte, torna presto e così sia.” Una delle mie canzoni preferite di @degregoriofficial , che ho sempre pensato fosse ambientata a Torino. Non credo sia così, probabilmente è Roma, o forse Milano, ma io ogni anno, in questi giorni, la sento risuonare tra i tetti della mia splendida città. 🌘 #viaggiaresottocasa #gioiedinatale - 2 months ago

1,678 Likes
41 Comments
0
Chi scatta foto mentre prepara i biscotti, con le dita ancora unte. Chi passa un’ora a sistemare oggetti per creare un set. Chi vince la timidezza parlando su stories di qualcosa a cui tiene, chi sorride con gli occhi stanchi davanti a un montaggio video appena finito, chi condivide il backstage della sua ultima illustrazione.
Magia. ✨
Chi svela a un’amica conosciuta su Instagram un segreto che nessuno sa. Chi si commuove per i successi degli altri. Chi dimentica i numeri, e ricorda le persone.  Questa, per me, è pura magia. ✨
Grazie perché la rendete possibile ogni giorno. 🧡
#mymagicaltabletop #gioiedinatale

Chi scatta foto mentre prepara i biscotti, con le dita ancora unte. Chi passa un’ora a sistemare oggetti per creare un set. Chi vince la timidezza parlando su stories di qualcosa a cui tiene, chi sorride con gli occhi stanchi davanti a un montaggio video appena finito, chi condivide il backstage della sua ultima illustrazione. Magia. ✨ Chi svela a un’amica conosciuta su Instagram un segreto che nessuno sa. Chi si commuove per i successi degli altri. Chi dimentica i numeri, e ricorda le persone. Questa, per me, è pura magia. ✨ Grazie perché la rendete possibile ogni giorno. 🧡 #mymagicaltabletop #gioiedinatale - 2 months ago

738 Likes
60 Comments
2
Poche cose mi commuovono come gli alberi di Natale. Non parlo di quelli che facciamo nei nostri salotti, ma di quelli negli androni dei palazzi, negli uffici pubblici, nelle guardiole dei custodi, nei corridoi dell’ospedale. In quei posti che sono di tutti e di nessuno, eppure. 
Eppure c’è qualcuno che una mattina si è caricato scatoloni, buste, prolunghe e lucine da districare e ha speso il suo tempo per creare il Natale. Non per se stesso, attenzione, ma per i passanti, i clienti, i pazienti, persone conosciute appena o addirittura mai viste. 
Le decorazioni dentro casa sono indubbiamente una gioia per gli occhi, ma quelle bei luoghi pubblici sono un balsamo per il cuore. ❤️
#gioiedinatale #botanicalwomen
🎄
Oggi ho iniziato a giocare con la mia mirrorless @canonitaliaspa (è la EOS M200) e ho già trasferito delle foto sul telefono con il Wi-Fi integrato (adoro! 😍). Presto ve ne mostrerò una super natalizia!✨ #liveandcreate #gifted #ad

Poche cose mi commuovono come gli alberi di Natale. Non parlo di quelli che facciamo nei nostri salotti, ma di quelli negli androni dei palazzi, negli uffici pubblici, nelle guardiole dei custodi, nei corridoi dell’ospedale. In quei posti che sono di tutti e di nessuno, eppure. Eppure c’è qualcuno che una mattina si è caricato scatoloni, buste, prolunghe e lucine da districare e ha speso il suo tempo per creare il Natale. Non per se stesso, attenzione, ma per i passanti, i clienti, i pazienti, persone conosciute appena o addirittura mai viste. Le decorazioni dentro casa sono indubbiamente una gioia per gli occhi, ma quelle bei luoghi pubblici sono un balsamo per il cuore. ❤️ #gioiedinatale #botanicalwomen 🎄 Oggi ho iniziato a giocare con la mia mirrorless @canonitaliaspa (è la EOS M200) e ho già trasferito delle foto sul telefono con il Wi-Fi integrato (adoro! 😍). Presto ve ne mostrerò una super natalizia!✨ #liveandcreate #gifted #ad - 2 months ago

2,479 Likes
100 Comments
0
Lei dice dispari, io dico pari. Lei dice asimmetrico, io dico simmetrico. Lei dice vivido, io dico pastello. Lei dice croccante, io dico morbido. Siamo diverse, eppure fatte dello stesso impasto.
Tre Marie Galbusera ha sfidato me e mamma @tramaretingeretessere a creare ciascuna il proprio allestimento natalizio, e noi abbiamo reinterpretato una tradizione di famiglia: quella di addobbare un mobile della casa con dolci e decorazioni. Questo è il mio e nelle stories potete vedere anche quello della mia mamma (e anche votare il vostro preferito)!
✨
Sono venuti diversi, come noi, ma con un delizioso punto in comune: il pandoro magnifico Noir di Tre Marie Galbusera, che è ricoperto con cioccolato fondente pregiato. 😍 Possiamo testimoniare entrambe che è delizioso, un piccolo lusso di Natale che dovete assolutamente concedervi! #ad #unlussopertutti #gioiedinatale #hounastoriaperte

Lei dice dispari, io dico pari. Lei dice asimmetrico, io dico simmetrico. Lei dice vivido, io dico pastello. Lei dice croccante, io dico morbido. Siamo diverse, eppure fatte dello stesso impasto. Tre Marie Galbusera ha sfidato me e mamma @tramaretingeretessere a creare ciascuna il proprio allestimento natalizio, e noi abbiamo reinterpretato una tradizione di famiglia: quella di addobbare un mobile della casa con dolci e decorazioni. Questo è il mio e nelle stories potete vedere anche quello della mia mamma (e anche votare il vostro preferito)! ✨ Sono venuti diversi, come noi, ma con un delizioso punto in comune: il pandoro magnifico Noir di Tre Marie Galbusera, che è ricoperto con cioccolato fondente pregiato. 😍 Possiamo testimoniare entrambe che è delizioso, un piccolo lusso di Natale che dovete assolutamente concedervi! #ad #unlussopertutti #gioiedinatale #hounastoriaperte - 2 months ago

1,074 Likes
40 Comments
0
Diversa.
Tengo sempre per la squadra che perde. Non so cosa sia la competitività. Sono stata, a fasi alterne, quella che mangia poco, quella che beve poco, quella che non balla. So raccontare, ma non so vendere.
Sono stata quella obbligata a sedersi accanto ai compagni scalmanati. Faccio sempre amicizia con chi rimane da solo. 
Sono quella che si fa poco la ceretta, che canta alle feste, che non risponde ai messaggi perché è distratta oppure troppo concentrata.
Non mi lamento in pubblico, ma sbrocco pesantemente in privato.
Sono quella che arriva in ritardo. Non so mai come vestirmi agli eventi e non esco senza correttore sulle occhiaie.
Sono quella con la borsa pesante che la posa in un angolo e la dimentica, perchè si fida degli altri.
Timida. Appassionata. Tollerante. Permalosa. Insicura. Innamorata. Diversa.
Diversa, come lo sono tutti.
✨
Il tema di quest’anno della maratona benefica di @zandegu_ è “Le differenze che ci uniscono” e chi mi conosce bene può capire quanto profondamente senta mia questa frase.
Il 21 dicembre quattro disegnatori d’eccezione come @monica.barengo @fernandocobelo, @nicolo_canova e @maniacodamore disegneranno ininterrottamente per tutto il pomeriggio e la sera, alle 18.30, venderanno le proprie opere all’asta. Il ricavato, naturalmente, andrà ad aiutare @fondazionepaideia, che da anni si occupa di bambini e disabilità con enorme amore e competenza su tutto il territorio piemontese. Naturalmente, siete tutti invitati! Info al link in bio di @zandegu_ e nelle mie stories ⬆️
#calmfluencer #gioiedinatale

Diversa. Tengo sempre per la squadra che perde. Non so cosa sia la competitività. Sono stata, a fasi alterne, quella che mangia poco, quella che beve poco, quella che non balla. So raccontare, ma non so vendere. Sono stata quella obbligata a sedersi accanto ai compagni scalmanati. Faccio sempre amicizia con chi rimane da solo. Sono quella che si fa poco la ceretta, che canta alle feste, che non risponde ai messaggi perché è distratta oppure troppo concentrata. Non mi lamento in pubblico, ma sbrocco pesantemente in privato. Sono quella che arriva in ritardo. Non so mai come vestirmi agli eventi e non esco senza correttore sulle occhiaie. Sono quella con la borsa pesante che la posa in un angolo e la dimentica, perchè si fida degli altri. Timida. Appassionata. Tollerante. Permalosa. Insicura. Innamorata. Diversa. Diversa, come lo sono tutti. ✨ Il tema di quest’anno della maratona benefica di @zandegu_ è “Le differenze che ci uniscono” e chi mi conosce bene può capire quanto profondamente senta mia questa frase. Il 21 dicembre quattro disegnatori d’eccezione come @monica.barengo @fernandocobelo , @nicolo_canova e @maniacodamore disegneranno ininterrottamente per tutto il pomeriggio e la sera, alle 18.30, venderanno le proprie opere all’asta. Il ricavato, naturalmente, andrà ad aiutare @fondazionepaideia , che da anni si occupa di bambini e disabilità con enorme amore e competenza su tutto il territorio piemontese. Naturalmente, siete tutti invitati! Info al link in bio di @zandegu_ e nelle mie stories ⬆️ #calmfluencer #gioiedinatale - 2 months ago

2,057 Likes
93 Comments
0
Il video di Natale 2019, finalmente, è arrivato! ✨
L'idea è nata ad agosto, su una spiaggia rovente della Liguria. È il nostro modo per augurare a tutti voi un Natale verde e sincero e un 2020 più pulito.
Il testo è stato realizzato da me e il mio compagno di vita @dario.mimmo, così come la produzione audio e video. ❤️
Sul mio canale Youtube trovate la playlist con tutti i video di Natale degli anni passati https://www.youtube.com/playlist?list=PLNvCVLb-fLorWxbKkIiXyfjgjUvb7pYkg
#esercizidibellezza #gioiedinatale #letitsnow #ecologesti

Il video di Natale 2019, finalmente, è arrivato! ✨ L'idea è nata ad agosto, su una spiaggia rovente della Liguria. È il nostro modo per augurare a tutti voi un Natale verde e sincero e un 2020 più pulito. Il testo è stato realizzato da me e il mio compagno di vita @dario.mimmo , così come la produzione audio e video. ❤️ Sul mio canale Youtube trovate la playlist con tutti i video di Natale degli anni passati https://www.youtube.com/playlist?list=PLNvCVLb-fLorWxbKkIiXyfjgjUvb7pYkg #esercizidibellezza #gioiedinatale #letitsnow #ecologesti - 2 months ago

1,528 Likes
406 Comments
0
Questo è quello che succede mettendo nella stessa stanza me, mia mamma @tramaretingeretessere e un albero di Natale di @maisonsdumonde_it. ✨🌲❤️
#aseasonalyear #gioiedinatale #gifted

Questo è quello che succede mettendo nella stessa stanza me, mia mamma @tramaretingeretessere e un albero di Natale di @maisonsdumonde_it. ✨🌲❤️ #aseasonalyear #gioiedinatale #gifted - 2 months ago

1,872 Likes
72 Comments
2
A casa di nonna Maria c’era un pianoforte. La domenica, quando andavamo a trovarla, mi precipitavo davanti allo strumento prima ancora di togliere il cappotto. Non lo sapevo suonare, non ancora, ma la tastiera mi parlava lo stesso. Nelle note basse c’era la voce del temporale, dell’inverno, della paura. In quelle alte il canto degli uccelli, la brezza estiva, il suono tenue del carillon. Componevo collage di immagini e sentimenti posando le mani a caso sui tasti, e ne annunciavo perfino i titoli: “ecco una canzone in cui prima piove e poi torna il sereno”.
A sette anni ho visto una bambina suonare il piano. Non come me, lei sapeva leggere gli spartiti, interpretare le note, con lo sguardo serio e le gambe che neanche toccavano terra. Così ho chiesto di essere mandata dal suo stesso maestro.
Il resto lo potete immaginare: la matematica dei tasti ha preso forma nella mia mente, la grammatica dei suoni ha dato un senso all’intreccio di melodie e accompagnamenti.
A volte, però, un po’ mi manca quella capacità di suonare per immagini, lontana dalla ricerca di un senso, fuori da qualsiasi regola. Quell’abilità, che hanno solo i bambini, di toccare con le dita le corde tintinnanti della fantasia.
✨
#dietroadognifotounastoria #gioiedinatale
[questa foto è di circa un anno fa, quando nello zucca-studio non c’era altro che questo piano e quel filo di lucine ✨]

A casa di nonna Maria c’era un pianoforte. La domenica, quando andavamo a trovarla, mi precipitavo davanti allo strumento prima ancora di togliere il cappotto. Non lo sapevo suonare, non ancora, ma la tastiera mi parlava lo stesso. Nelle note basse c’era la voce del temporale, dell’inverno, della paura. In quelle alte il canto degli uccelli, la brezza estiva, il suono tenue del carillon. Componevo collage di immagini e sentimenti posando le mani a caso sui tasti, e ne annunciavo perfino i titoli: “ecco una canzone in cui prima piove e poi torna il sereno”. A sette anni ho visto una bambina suonare il piano. Non come me, lei sapeva leggere gli spartiti, interpretare le note, con lo sguardo serio e le gambe che neanche toccavano terra. Così ho chiesto di essere mandata dal suo stesso maestro. Il resto lo potete immaginare: la matematica dei tasti ha preso forma nella mia mente, la grammatica dei suoni ha dato un senso all’intreccio di melodie e accompagnamenti. A volte, però, un po’ mi manca quella capacità di suonare per immagini, lontana dalla ricerca di un senso, fuori da qualsiasi regola. Quell’abilità, che hanno solo i bambini, di toccare con le dita le corde tintinnanti della fantasia. ✨ #dietroadognifotounastoria #gioiedinatale [questa foto è di circa un anno fa, quando nello zucca-studio non c’era altro che questo piano e quel filo di lucine ✨] - 2 months ago

1,734 Likes
74 Comments
0
Buonanotte così 🌲
#quietinthewild #gioiedinatale

Buonanotte così 🌲 #quietinthewild #gioiedinatale - 2 months ago

1,263 Likes
47 Comments
0
Oggi vi racconto gli #ecologesti che hanno migliorato la mia vita da qualche anno a questa parte.
🌱
La coppetta mestruale: ho iniziato a usarla quattro anni fa e non l’ho più lasciata. Gli assorbenti non lavabili inquinano moltissimo, perché non sono riciclabili, quindi la coppetta riduce drasticamente l’impatto ambientale. Non è stato facile trovare la mia (al primo acquisto ne avevo presa una durissima e troppo grande) ma poi è stato vero amore. Per sceglierla vi consiglio di fare un po’ di ricerca, sui social e fuori. All’epoca avevo trovato utilissimo il sito di @violetabenini. Questa è una Cuplee presa sul sito di @coppettamestruale.
🌱
Lo shampoo solido: i miei ricci lunghi e tortuosi richiedono una bella quantità di prodotto e i sensi di colpa, ad ogni bottiglietta gettata via, erano enormi. Questo shampoo solido di @ethicalgrace è semplicemente meraviglioso, e ha un utilissimo cordino per appenderlo quando deve asciugare. In teoria contiene sia shampoo che balsamo, ma io poi devo per forza comprare un altro prodotto in crema (di solito una maschera) per snodare per bene la mia chioma. Già così, però, ho dimezzato le confezioni, e inoltre un panetto dura moltissimo!
🌱
I dischetti struccanti lavabili: dopo anni e migliaia di dischetti di cotone non ne potevo più, però avevo paura di usare un tessuto aggressivo con la mia pelle. Questi di @lamazuna_italia sono meravigliosi e delicatissimi. Arrivano con una retina per lavarli in lavatrice, quindi ne accumulo un po’ e poi li lavo con i vestiti (stando attenta a non mettere saponi troppi aggressivi). Sono di microfibra, perciò asciugano in frettissima e sono pronti a essere usati di nuovo. 🌱
Sono piccolissimi gesti, lo so, e la strada da fare è ancora lunghissima. Ma d’altra parte tutti i viaggi iniziano con un passo. 💗
#ecologesti #gioiedinatale

Oggi vi racconto gli #ecologesti che hanno migliorato la mia vita da qualche anno a questa parte. 🌱 La coppetta mestruale: ho iniziato a usarla quattro anni fa e non l’ho più lasciata. Gli assorbenti non lavabili inquinano moltissimo, perché non sono riciclabili, quindi la coppetta riduce drasticamente l’impatto ambientale. Non è stato facile trovare la mia (al primo acquisto ne avevo presa una durissima e troppo grande) ma poi è stato vero amore. Per sceglierla vi consiglio di fare un po’ di ricerca, sui social e fuori. All’epoca avevo trovato utilissimo il sito di @violetabenini. Questa è una Cuplee presa sul sito di @coppettamestruale. 🌱 Lo shampoo solido: i miei ricci lunghi e tortuosi richiedono una bella quantità di prodotto e i sensi di colpa, ad ogni bottiglietta gettata via, erano enormi. Questo shampoo solido di @ethicalgrace è semplicemente meraviglioso, e ha un utilissimo cordino per appenderlo quando deve asciugare. In teoria contiene sia shampoo che balsamo, ma io poi devo per forza comprare un altro prodotto in crema (di solito una maschera) per snodare per bene la mia chioma. Già così, però, ho dimezzato le confezioni, e inoltre un panetto dura moltissimo! 🌱 I dischetti struccanti lavabili: dopo anni e migliaia di dischetti di cotone non ne potevo più, però avevo paura di usare un tessuto aggressivo con la mia pelle. Questi di @lamazuna_italia sono meravigliosi e delicatissimi. Arrivano con una retina per lavarli in lavatrice, quindi ne accumulo un po’ e poi li lavo con i vestiti (stando attenta a non mettere saponi troppi aggressivi). Sono di microfibra, perciò asciugano in frettissima e sono pronti a essere usati di nuovo. 🌱 Sono piccolissimi gesti, lo so, e la strada da fare è ancora lunghissima. Ma d’altra parte tutti i viaggi iniziano con un passo. 💗 #ecologesti #gioiedinatale - 2 months ago

1,169 Likes
99 Comments
0
Santa Lucia, che in molte tradizioni è il culmine della stagione fredda, ci ha svegliati con la neve. Ha smesso piuttosto in fretta, ma il candore di quei tetti era un presagio di luce con la forza di un abbraccio. Sono quasi certa di aver colto nell’aria queste parole: l’inverno sarà dolce. ✨
#allyoucantexture #gioiedinatale

Santa Lucia, che in molte tradizioni è il culmine della stagione fredda, ci ha svegliati con la neve. Ha smesso piuttosto in fretta, ma il candore di quei tetti era un presagio di luce con la forza di un abbraccio. Sono quasi certa di aver colto nell’aria queste parole: l’inverno sarà dolce. ✨ #allyoucantexture #gioiedinatale - 2 months ago

3,211 Likes
71 Comments
0
L’ho scritto anche nel mio libro, io credo di aver sempre desiderato Instagram, perfino quando non esisteva. Una decina di anni fa ero iscritta a @weheartit, l’antenato di @pinterest, e passavo ore a salvare immagini nelle mie bacheche: luci di Natale a Central Park, tazze di tè fumanti, flatlay con caffè di starbucks e blackberry (ve li ricordate?) color pastello. Avevo un desiderio viscerale di dire la mia, di creare qualcosa che trasmettesse le stesse emozioni. Quando è uscito l’iPhone 4 sono entrata in un negozio con un mazzetto irragionevolmente alto di banconote e l’ho comprato. La prima cosa che ho fatto, dopo averlo acceso, è stata installare Instagram.
✨
Il mio primo amore qui, per il quale nutro ancora una passione irresistibile, sono state le instagramer inglesi: luci fredde, paesaggi ombrosi e rarefatti, case di pietra semivuote con ghirlande di fiori secchi alle pareti. Ho cercato per anni quelle ombre nella luce calda del mediterraneo, quelle atmosfere sul parquet graffiato del mio appartamento di città. Quello che ho trovato, scatto dopo scatto, è stato il mio stile. Diverso da quello che immaginavo, ma unico, mio.
✨
Se non avete ancora trovato il vostro linguaggio, lo dico sempre, innamoratevi delle foto degli altri. Cercate la stessa magia nelle vostre, scattate, sperimentate. È questo che intendo quando dico che copiare, in certi casi, è il modo migliore di imparare. È la strada più sicura (e creativa) per trovare se stessi. #thatvelvetfeeling #gioiedinatale

L’ho scritto anche nel mio libro, io credo di aver sempre desiderato Instagram, perfino quando non esisteva. Una decina di anni fa ero iscritta a @weheartit , l’antenato di @pinterest , e passavo ore a salvare immagini nelle mie bacheche: luci di Natale a Central Park, tazze di tè fumanti, flatlay con caffè di starbucks e blackberry (ve li ricordate?) color pastello. Avevo un desiderio viscerale di dire la mia, di creare qualcosa che trasmettesse le stesse emozioni. Quando è uscito l’iPhone 4 sono entrata in un negozio con un mazzetto irragionevolmente alto di banconote e l’ho comprato. La prima cosa che ho fatto, dopo averlo acceso, è stata installare Instagram. ✨ Il mio primo amore qui, per il quale nutro ancora una passione irresistibile, sono state le instagramer inglesi: luci fredde, paesaggi ombrosi e rarefatti, case di pietra semivuote con ghirlande di fiori secchi alle pareti. Ho cercato per anni quelle ombre nella luce calda del mediterraneo, quelle atmosfere sul parquet graffiato del mio appartamento di città. Quello che ho trovato, scatto dopo scatto, è stato il mio stile. Diverso da quello che immaginavo, ma unico, mio. ✨ Se non avete ancora trovato il vostro linguaggio, lo dico sempre, innamoratevi delle foto degli altri. Cercate la stessa magia nelle vostre, scattate, sperimentate. È questo che intendo quando dico che copiare, in certi casi, è il modo migliore di imparare. È la strada più sicura (e creativa) per trovare se stessi. #thatvelvetfeeling #gioiedinatale - 2 months ago

1,663 Likes
68 Comments
0
Nonostante mi sforzi costantemente di non essere cinica mi ritrovo, in questo periodo dell’anno, con un po’ d’ansia. Il Black Friday, il cyber monday, i regali di Natale, i saldi. Un copione da piccoli consumatori entusiasti da recitare senza discutere.
Così, mi sono buttata sul mio rimedio anti-ansia preferito, che non è il cioccolato (ok, anche), ma il dizionario etimologico. Ho scoperto che il verbo comprare è una sincope, cioè un “concentrato” del latino COMPARARE, che naturalmente voleva dire fare un confronto tra l’oggetto venduto e il corrispettivo necessario per acquistarlo.
✨
E se provassimo a recuperare l’anima della parola, e a mettere in relazione il fascino della pubblicità con i nostri reali bisogni? A confrontare la
giostra frenetica del mercato con ciò che ci serve davvero? A comparare il prodotto con i nostri profondi desideri? 
#lowcostemotion #gioiedinatale

Nonostante mi sforzi costantemente di non essere cinica mi ritrovo, in questo periodo dell’anno, con un po’ d’ansia. Il Black Friday, il cyber monday, i regali di Natale, i saldi. Un copione da piccoli consumatori entusiasti da recitare senza discutere. Così, mi sono buttata sul mio rimedio anti-ansia preferito, che non è il cioccolato (ok, anche), ma il dizionario etimologico. Ho scoperto che il verbo comprare è una sincope, cioè un “concentrato” del latino COMPARARE, che naturalmente voleva dire fare un confronto tra l’oggetto venduto e il corrispettivo necessario per acquistarlo. ✨ E se provassimo a recuperare l’anima della parola, e a mettere in relazione il fascino della pubblicità con i nostri reali bisogni? A confrontare la giostra frenetica del mercato con ciò che ci serve davvero? A comparare il prodotto con i nostri profondi desideri? #lowcostemotion #gioiedinatale - 3 months ago

2,064 Likes
116 Comments
0
C’era una studentessa con le spalle cariche di ricci e di sogni. Un peso leggero, che però a tratti si faceva incomprensibilmente pesante. Lei aveva paura. Una paura viscerale, insensata, che arrivava senza preavviso e chiudeva a chiave lo stomaco e i pensieri. Evitava alcune cose: vivere da sola, prendere il tram, fare lunghi viaggi, recarsi in luoghi sconosciuti, prendere freddo, frequentare persone nuove. Per passare il tempo, cucinava dolci e caricava le foto su un sito appena nato, dove si erano iscritti una manciata di amici: Facebook.
✨
Ma la vita non prevede pause troppo lunghe tra un giro di valzer e l’altro, e così lei si è trovata, per i suoi studi, a dover svolgere una ricerca sul campo. Doveva studiare un curioso strumento musicale della tradizione piemontese, costruito con il guscio di una zucca essiccata [esiste ancora, e nelle stories potete ascoltarne il suono]. Il tutto prevedeva spostamenti, cappotti e guanti, registratori, telecamere puntate su volti sconosciuti. Viaggi. Persone.
Così, sostenuta dalle braccia e dai cuori grandi dei suoi genitori e del suo compagno [@dario.mimmo, sempre tu ❤️] l’ha fatto. Ha indossato il cappotto, imbracciato la telecamera ed è uscita nell’aria fredda di fine inverno. Il corpo esile, i capelli lunghissimi e la carnagione bianca come la luna sui colli del Monferrato.
✨
Un paio d’anni dopo, la paura era lontana. Gli occhi e le orecchie si erano riempiti di luoghi, musica e parole. Il cuore, di persone. La vita non era diventata più facile, solo più affrontabile, come è normale che sia. La ragazza aveva un telefono nuovo fiammante, una scatoletta bianca con un grosso schermo, e si stava iscrivendo a un nuovo social network, scoperto da poco. Riviveva la sua vita recente pensando a un nickname che raccontasse a fondo la sua storia. Ha riletto un post pubblicato su Facebook qualche tempo prima, che ritraeva una torta bruttina ma preparata col cuore, e l’ha trovato. Zuccaviolina. L’inizio di un altro incredibile viaggio.
#ilmionomequi #gioiedinatale

C’era una studentessa con le spalle cariche di ricci e di sogni. Un peso leggero, che però a tratti si faceva incomprensibilmente pesante. Lei aveva paura. Una paura viscerale, insensata, che arrivava senza preavviso e chiudeva a chiave lo stomaco e i pensieri. Evitava alcune cose: vivere da sola, prendere il tram, fare lunghi viaggi, recarsi in luoghi sconosciuti, prendere freddo, frequentare persone nuove. Per passare il tempo, cucinava dolci e caricava le foto su un sito appena nato, dove si erano iscritti una manciata di amici: Facebook. ✨ Ma la vita non prevede pause troppo lunghe tra un giro di valzer e l’altro, e così lei si è trovata, per i suoi studi, a dover svolgere una ricerca sul campo. Doveva studiare un curioso strumento musicale della tradizione piemontese, costruito con il guscio di una zucca essiccata [esiste ancora, e nelle stories potete ascoltarne il suono]. Il tutto prevedeva spostamenti, cappotti e guanti, registratori, telecamere puntate su volti sconosciuti. Viaggi. Persone. Così, sostenuta dalle braccia e dai cuori grandi dei suoi genitori e del suo compagno [@dario.mimmo , sempre tu ❤️] l’ha fatto. Ha indossato il cappotto, imbracciato la telecamera ed è uscita nell’aria fredda di fine inverno. Il corpo esile, i capelli lunghissimi e la carnagione bianca come la luna sui colli del Monferrato. ✨ Un paio d’anni dopo, la paura era lontana. Gli occhi e le orecchie si erano riempiti di luoghi, musica e parole. Il cuore, di persone. La vita non era diventata più facile, solo più affrontabile, come è normale che sia. La ragazza aveva un telefono nuovo fiammante, una scatoletta bianca con un grosso schermo, e si stava iscrivendo a un nuovo social network, scoperto da poco. Riviveva la sua vita recente pensando a un nickname che raccontasse a fondo la sua storia. Ha riletto un post pubblicato su Facebook qualche tempo prima, che ritraeva una torta bruttina ma preparata col cuore, e l’ha trovato. Zuccaviolina. L’inizio di un altro incredibile viaggio. #ilmionomequi #gioiedinatale - 3 months ago

1,836 Likes
137 Comments
0
Sono stata una bambina lenta. Sempre l’ultima a finire di fare la cartella, mentre i compagni scalpitavano per uscire dall’aula, già in fila per due.
Sono stata un’adolescente indietro coi compiti, che passava le serate in pigiama alla scrivania e sbadigliava sulle versioni di greco. Sono stata un’universitaria appassionata e perennemente fuori corso, che capiva di aver studiato meno di metà del programma (benissimo, però!) a una settimana dall’esame.
Lenta. Follemente innamorata di ogni cosa che faccio, ma lenta. A volte in modo così estenuante che fatico davvero a perdonami.
Ma l’ho già detto qualche post fa e lo ribadisco ora: dicembre è il mese della quiete. Il momento ideale per rivendicare il sacrosanto diritto alla lentezza. 🐌 
#facciamocherallentiamo #gioiedinatale

Sono stata una bambina lenta. Sempre l’ultima a finire di fare la cartella, mentre i compagni scalpitavano per uscire dall’aula, già in fila per due. Sono stata un’adolescente indietro coi compiti, che passava le serate in pigiama alla scrivania e sbadigliava sulle versioni di greco. Sono stata un’universitaria appassionata e perennemente fuori corso, che capiva di aver studiato meno di metà del programma (benissimo, però!) a una settimana dall’esame. Lenta. Follemente innamorata di ogni cosa che faccio, ma lenta. A volte in modo così estenuante che fatico davvero a perdonami. Ma l’ho già detto qualche post fa e lo ribadisco ora: dicembre è il mese della quiete. Il momento ideale per rivendicare il sacrosanto diritto alla lentezza. 🐌 #facciamocherallentiamo #gioiedinatale - 3 months ago

2,154 Likes
136 Comments
0
Quando ero bambina, io e mio papà iniziavamo a progettare il presepe d’estate, passeggiando sulle spiagge del Lazio. Non è così strano, quindi, che la foto più sfacciatamente natalizia che ho scattato quest’anno risalga ad agosto. Questo posto favoloso è @_azur_mountain, e si trova in un bosco di pini marittimi tra Cannes e Antibes [trovate altri scatti in un mio post del 10 agosto].
✨
e comunque, io #hoquestacosacolnatale tutto l’anno
🙈 #gioiedinatale #feliceadesso

Quando ero bambina, io e mio papà iniziavamo a progettare il presepe d’estate, passeggiando sulle spiagge del Lazio. Non è così strano, quindi, che la foto più sfacciatamente natalizia che ho scattato quest’anno risalga ad agosto. Questo posto favoloso è @_azur_mountain , e si trova in un bosco di pini marittimi tra Cannes e Antibes [trovate altri scatti in un mio post del 10 agosto]. ✨ e comunque, io #hoquestacosacolnatale tutto l’anno 🙈 #gioiedinatale #feliceadesso - 3 months ago

2,920 Likes
77 Comments
0
Load more posts
2019 - © Deskgram. All rights reserved.